Gnocchi di Patate: i Trucchi per un Risultato Perfetto

Non c’è niente da fare: i gnocchi preparati in casa sono di un altro pianeta rispetto a quelli che si comprano al supermercato che risultano, chi più chi meno, sempre stopposi. Certo, prepararli non è velocissimo come aprire una busta, ma il sapore e la consistenza valgono senza dubbio lo sforzo.

Ma quali sono i segreti per avere dei gnocchi che non si sfaldino ma che restino morbidi e compatti, ma non duri? Ecco i nostri suggerimenti:

Una questione di ingredienti e di dosi

gnocchi

Innanzitutto, per preparare dei gnocchi buoni bisogna scegliere delle patate vecchie; quindi niente patate novelle, perché contengono più acqua e assorbono più farina, ma scegliete patate farinose, a pasta bianca, senza germogli.

Poi attenzione alle proporzioni di farina, che variano in base all’acqua contenuta nelle patate; di solito, ogni chilo di patate “vuole” da 250 g a 300 g di farina, ma mai superare questa dose, perché poi i gnocchi diventeranno duri.

Infine, alcune ricette prevedono l’uovo, altre no. Ma va messo? Premettendo che l’uovo fa da legante e impedisce che i gnocchi si sfaldino durante la cottura, la sua presenza modifica il sapore, quindi la decisione dipende dal vostro gusto. Ne basta uno per 1 kg di patate.

Una questione di esecuzione

gnocchi

Le patate vanno lessate (in acqua non salata) con la buccia, così che restino asciutte e non perdano sapore. Il bollore deve essere dolce, altrimenti si rompe la buccia, e le patate saranno pronte in una trentina di minuti. Inoltre vanno sbucciate e schiacciate quando sono ancora calde, per evitare grumi. Aspettare che si intiepidiscano e poi impastare il minimo indispensabile affinché gli ingredienti si amalgamino.

Per formarli con le mani infarinate modellate dei cilindri di circa 2,5 cm di diametro tagliateli in tocchetti di 3 cm, da far passare delicatamente sui rebbi di una forchetta. Man mano che i gnocchi sono pronti, vanno messi su un vassoio infarinato in attesa della cottura, non troppo ammassati.

Una questione di cottura

gnocchi

Una volta che i gnocchi sono pronti, non bisogna aspettare troppo tempo a cuocerli perché l’umidità che contengono non permette di conservarli crudi per lungo tempo.

Per cuocerli bisogna mettere sul fuoco dell’acqua salata in una pentola capiente e, una volta che questa ha raggiunto il bollore, buttarveli e, non appena vengono a galla, estrarli con una schiumarola.

E i vostri gnocchi sono pronti per essere conditi!

Commenti

commenti