Pandoro fatto in casa: come prepararlo

pandoro fatto in casa

Se il panettone è il re del pranzo di Natale, il pandoro è senza dubbio il principe. Con il suo gusto dolce e burroso, incontra il favore di tutti, cosa che il panettone, con la presenza dei canditi e dell’uvetta, non sempre riesce a fare. Servito con una semplice spolverata di zucchero a velo oppure accompagnato con una crema al mascarpone, il pandoro non può mancare sulla tavola del pranzo di Natale. Ma avete mai pensato di prepararlo in casa? Per farlo ci vuole pazienza, ma il risultato sarà senza dubbio in grado di soddisfare i palati. Ecco come preparare il pandoro fatto in casa:

Ingredienti

Per preparare il pandoro fatto in casa servono:

  • 450 gr di farina 0
  • 30 ml di latte
  • 12 gr di lievito di birra
  • 180 gr di zucchero
  • 4 uova
  • 2 tuorli
  • 20 gr di miele
  • 185 gr di burro
  • 1 bustina di vanillina o un cucchiaino di essenza di vaniglia
  • zucchero a velo q.b.

Ricordate che per preparare il pandoro vi servirà un’impastatrice (come questa) e uno stampo per pandoro da un chilo (come questo).

Preparazione del pandoro fatto in casa

La preparazione del pandoro avviene in diverse fasi:

Prima fase

impasto

Come prima cosa prendere far intiepidire il latte e poi sciogliervi dentro il lievito mescolando con un cucchiaino. Poi prendere 65 grammi di farina, unirvi il latte con il lievito e impastare. Una volta preparato l’impasto, formate una palla e mettetela nel forno spento, dove dovrà lievitare per un’ora.

Seconda fase

pandoro

Trascorso il tempo di lievitazione, prendere 120 grammi di farina, 50 grammi di zucchero e mezzo uovo sbattuto e aggiungerli all’impasto preparato in precedenza. Impastare e poi aggiungervi l’altro mezzo uovo e lasciare lavorare l’impastatrice per 15 minuti, fino ad ottenere un impasto elastico e liscio che non resti incollato alle pareti.

Con questo impasto formate una palla e, dopo averla coperta con un canovaccio, lasciatela lievitare nel forno spento per due ore. Anche in questo caso, l’impasto deve raddoppiare.

Terza fase

pandoro

Prendete l’impasto e aggiungetevi 150 grammi di farina, 130 grammi di zucchero, due tuorli, il miele, la vanillina. Impastate per qualche minuto, poi aggiungete poco per volta le restanti tre uova sbattute. Lasciate lavorare l’impastatrice per una ventina di minuti. Trascorso questo tempo, aggiungete poco per volta il burro tagliato a cubetti, impastando per una trentina di minuti. Il risultato è un impasto elastico che non resterà appicciato alle pareti.

Prendete una spianatoia, infarinatela e metteteci sopra l’impasto. Formate una palla, che dovrà essere messa nello stampo da pandoro, precedentemente imburrato. Imburrate anche la superficie del pandoro, poi coprite lo stampo con la pellicola e mettere in forno spento a lievitare per tre-quattro ore o finché l’impasto non raggiunge il bordo

Trascorso questo tempo, togliete lo stampo dal forno e scaldatelo finché non raggiunge i 150 gradi, in modalità statica. Una volta che il forno è caldo, togliete la pellicola e infornate il pandoro fatto in casa. Cuocete per 45 minuti. Una volta cotto, togliete il pandoro dal forno e lasciatelo raffreddare per 30 minuti, capovolgendo lo stampo su una griglia di modo che passi aria. Una volta trascorso questo tempo, il pandoro dovrebbe essersi raffreddato. Quindi sformatelo e mettetelo in un sacchetto per alimenti.

Aspettate comunque un giorno prima di mangiare il vostro pandoro fatto in casa e, prima di farlo, ricordate di spolverizzare con dello zucchero a velo.

(fonti: ricettedellanonna.net/misya.info)

Commenti

commenti