10 TRUCCHI PER CAPIRE SE IL PESCE È FRESCO

Vi siete mai trovarti al supermercato o in pescheria a scegliere il pesce? Un dubbio sorge, sarà fresco? Ecco la guida definitiva per riconoscere il pesce appena pescato.

Cercate i colori! «In ogni bancarella della pescheria, la prima cosa che bisogna cercare sono i colori del pesce – spiega Matteo Foglio, biologo marino dell’Università di Genova che ha collaborato con i Personal Fisher – La buona qualità della bancarella del pesce sta nel suo carnevale di colori. La bassa qualità è rappresentata dalle stesse tonalità spente, anche se ci sono molte varietà di pesce».

Puntante sul rosso! Il rosso nei pesci, nei crostacei e nei frutti di mare è il primo colore a scomparire una volta che non è più fresco. In particolare, cercate sfumature brillanti di rosso.

Annusate! Dovrebbe avere un legslowfishmarketgero profumo di mare e alghe e non dovrebbe mai avere un odore spiacevole.

Occhi vivaci! Occhi spenti, infossati o rossi sono un segno del fatto che non è più fresco.

Branchie rosse! Le branchie, dietro la testa, devono essere rosso chiaro o rosa.

Pesce rigido = pesce fresco! Il pesce fresco deve avere una carne soda e tonica, come la sensazione che si ha al tatto quando i muscoli sono tesi. Se si tiene un pesce per la coda in posizione orizzontale, questo deve rimanere più o meno dritto e non piegarsi. Se ultra freschi, i pesci a km zero sembrano ancora vivi al tatto. Se scorrete leggermente con le dita su un polpo fresco, questo avrà un riflesso post mortem, come un ritorno elastico, e talvolta un cambiamento di colore.

Niente panico se è già tagliato. Alcuni pesci, come la rana pescatrice, sono particolarmente sensibili ai parassiti: per questo i pescatori rimuovono immediatamente le interiora a bordo della nave. Senza viscere, i pesci dovrebbero avere una cavità addominale di colore chiaro. Se ci sono tracce di sangue residuo, dovrebbero essere di colore rosso vivo.

Fate un giro intorno alla bancarella! Se trovate un contenitore di polistirolo – usato per mantenere il pesce a una temperatura costante – bandiera rossa: i pesci hanno viaggiato da lontano per arrivare fino al mercato.

Date un’occhiata ai denti! È più probabile che un pesce con i denti rotti sia selvatico, mentre i cugini di allevamento, a causa delle diete innaturali che sono costretti a tenere, hanno più probabilmente denti intatti, “come se fossero appena stati dal dentista” come dice Matteo.

Se è possibile, toccate le squame! La pelle deve essere leggermente viscosa in superfice. Se lascia tracce di liquido trasparente sulle mani, è segno di freschezza. Se vecchio, invece, sarà più secco: più tempo rimane fuori dall’acqua e più sarà disidratato.

Capito? Ora non potete più sbagliare!!!

 

Fonte: http://goo.gl/pD2bzt

Commenti

commenti