Terra dei Fuochi: si registrano più Tumori, anche tra i Bambini

Foto di vita.it

Foto di vita.it

La Terra dei Fuochi è quella zona della Campania, tra le province di Napoli e Caserta, che purtroppo conosciamo a causa dell’inquinamento, della presenza di rifiuti tossici e dello smaltimento illegale dei rifiuti. E questa situazione non può che avere delle ripercussioni su chi lì vive: stando al rapporto dell’Istituto superiore di sanità (Iss) sulla situazione epidemiologica dei 55 comuni che compongono questa zona, la mortalità, i ricoveri e i tumori sono più alti rispetto alla media della regione.

Si tratta di una situazione che purtroppo non risparmia nemmeno i più piccoli: infatti sono stati osservati eccessi di bambini ricoverati nel primo anno di vita per tutti i tipi di tumore e eccessi di tumori del sistema nervoso nella fascia d’età 0-14 anni. Molto diffusi poi, tra gli adulti, siano essi uomini o donne, i tumori dell’apparato urinario, in particolare quelli alla vescica.

Nel rapporto dell’Iss, si può leggere che:

Le esposizioni a emissioni e rilasci dei siti di smaltimento e combustione illegale dei rifiuti possono avere svolto un ruolo causale o concausale.

Loredana Musmeci, coordinatrice dello studio, precisa:

Bisogna considerare il degrado generale del territorio, la condizione economica e la precarietà dello stato sanitario. Mancanza di prevenzione, cattiva alimentazione, stili di vita errati della donna nella delicata fase della gravidanza hanno effetti negativi. Parliamo inoltre di una realtà dove la vita media è più corta di due anni rispetto al resto d’Italia.

Il rapporto ha riguardato 32 Comuni afferenti alla Terra dei Fuochi della Provincia di Napoli e 23 della Provincia di Caserta; le patologie sono state studiate in base a tre indicatori: la mortalità, i ricoveri ospedalieri (disponibili per tutti i 55 Comuni) e l’incidenza dei tumori (disponibile per i 17 Comuni della Provincia di Napoli serviti dal Registro Tumori). Come nella prima stesura del rapporto, risalente al 2014, viene ribadita con forza la necessità di bonificare il terreno dai rifiuti tossici.

(fonti: ansa.it, huffingtonpost.it, corriere.it)

Popups Powered By : XYZScripts.com